HONEGGER JOURNAL

EVENTI, MERCATI, INTERNAZIONALIZZAZIONE

A ProWein 2019 si festeggiano i 25 anni di fiera del vino

Fiera ProWein vini italiani Foto: Messe Düsseldorf/ctillmann

Quest’anno la fiera ProWein di Düsseldorf, ha celebrato i suoi primi 25 anni in grande stile, battendo ogni record precedentemente stabilito. La manifestazione dedicata al mondo vitivinicolo (17-19 marzo) ha visto rafforzarsi la propria posizione tra le fiere leader di settore al mondo. Ecco com’è andata nel dettaglio.

I VISITATORI DI PROWEIN 2019


Se nel 2018 si contavano 60.500 visitatori, nel 2019 il record raggiunto è di 61.500, dimostrando ancora una volta come la tendenza sia quella di una crescita costante. Crescita che si accompagna sempre ad una qualità del visitatore molto alta: circa l’80% di loro infatti si è classificato come decision maker, sia che appartenesse al settore ristorazione, che a quello catering o più strettamente produttivo. I visitatori – provenienti da 142 Paesi, 10 in più rispetto all’anno precedente – hanno espresso grande interesse per i vini provenienti dall’Italia, dalla Francia, dalla Germania e dalla Spagna. Menzione d’onore anche per la Gran Bretagna che rappresenta la quinta nazione con il maggior numero di presenze in visita dopo Germania, Benelux, Francia e Italia.

GLI ESPOSITORI DI PROWEIN 2019


Gli espositori si sono mostrati molto soddisfatti di ProWein 2019: nonostante alcuni abbiano fatto notare come marzo sia un periodo da considerare in anticipo rispetto alle tempistiche “naturali” del mondo del vino, i produttori – soprattutto di vino bianco – sono stati molto contenti. Le note positive provengono soprattutto da oltreoceano: gli eventi e le fiere negli Stati Uniti tendono infatti a rivolgersi a canali altamente specializzati, che quasi riducono l’effettiva efficacia delle manifestazioni stesse. Ecco perché, secondo Mindy Crawford – Wholesale Director dagli Usa – ProWein è cruciale per il continente americano.
Oltre 6.900 espositori si sono registrati a ProWein 2019, appartenenti sia al settore del vino che degli alcolici e distillati. In rappresentanza di 64 Paesi, si sono divisi nei 10 padiglioni previsti da Messe Düsseldorf per l’occasione; l’Italia guida la classifica del maggior numero di espositori con 1654, seguita dalla Francia (1576), Germania (978), Spagna (661), overseas (600), Austria (335), Portogallo (387). Da aggiungere inoltre 400 espositori produttori di superalcolici.

NON SOLO VINO: GLI EVENTI DI PROWEIN 2019


Sono numerose le tendenze registrate a ProWein 2019: la maggiore è quella dedicata alle bevande artigianali, che sono state ampiamente promosse dall’evento speciale denominato “same but different”, al quale hanno preso parte oltre 100 produttori di liquori, birre e altre bevande alcoliche. Non solo i professionisti del ristretto settore, ma tutti i visitatori di ProWein sono rimasti affascinati da questa iniziativa, tanto che il padiglione 7 ha riscosso un successo di massa inaspettato: non esiste nulla infatti come l’iniziativa “same but different” all’interno del panorama fieristico mondiale dedicato al vino e alle altre bevande alcoliche.
Oltre a “same but different”, a ProWein troviamo anche seminari, degustazioni, forum e incontri per i professionisti: dal 17 al 19 marzo la fiera del vino ha offerto tutto questo. La Champagne Lounge si è dimostrata un’efficace piattaforma per 50 produttori di champagne che hanno desiderato distinguersi; l’area dedicata al vino organico ha accolto 300 espositori; uno spazio dedicato alla degustazione dei vini vincitori del contest MUNDUS VINI e l’evento speciale per il Packaging & Design hanno completato l’offerta di ProWein 2019.

Le date delle prossime edizioni di ProWein sono già state fissate: non si perde tempo! Gli appuntamenti sono per il 15-17 marzo 2020 e il 21-23 marzo 2021. Se i contatti di ProWein 2019 sono stati interessanti e ci dovesse essere la necessità di continuare i rapporti commerciali con clienti asiatici, le fiere ProWine Asia (Hong Kong, 7-10 maggio 2019) e ProWine China (Shanghai, 12-14 novembre 2019) vi aspettano!
CONDIVIDI

Commenti